Header Image

AppFattPro Download

Versione 1.6.0.0 SMART del 10/04/2022
NOTE DI RILASCIO

Versione 1.6.0.0 SMART del 10/04/2022:

  1. Aggiornata alle specifiche tecniche v.1.6.4 approvate con Provvedimento della Agenzia delle Entrate n. 293384 del 28-10-21 – in vigore dal 01-01-22 al 30-06-22.
  2. Predisposta per le specifiche tecniche v.1.7.0 approvate con Provvedimento della Agenzia delle Entrate n. 374343 del 23-12-21 – in vigore dal 01-07-22.

Elenco non esaustivo delle modifiche e/o nuove funzionalità del programma/software:

  1. Formato “Impostazioni” (solo per utenze di lavoro classificate con categoria “PROFESSIONISTI”) | Menu a popover “Dati utenza e regime fatturazione” > “Dati previdenziali e/o assistenziali” – Aggiunta l’opzione “Rivalsa contributi previdenziali e/o assistenziali” > “NO”. Qualora non sia prevista nei confronti dei Clienti la rivalsa dei contributi previdenziali e/o assistenziali e pertanto non vengano immessi i dati relativi all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) e/o alle altre Casse e/o Enti previdenziali e/o assistenziali è necessario selezionare l’opzione “Rivalsa contributi previdenziali e/o assistenziali” > “NO”. Selezionando l’opzione “NO” tutti i dati relativi ai contributi previdenziali e/o assistenziali eventualmente già immessi verranno automaticamente eliminati.
  2. Formato “Impostazioni” | Menu a popover “Intestazione Documenti” > Schede “Testo intestazione” e “Logo intestazione” – Aggiunta l’opzione “Stampa Documenti su carta intestata” > “SI”. Qualora i Documenti vengano stampati su carta intestata propria e pertanto non vengano immessi né il testo né il logo di intestazione è necessario selezionare l’opzione “Stampa Documenti su carta intestata” > “SI”. Selezionando l’opzione “SI” tutti i dati relativi alla intestazione dei Documenti eventualmente già immessi verranno automaticamente eliminati.
  3. Formato “Articoli o Servizi” | Menu a popover “Dati Articolo” o “Dati Servizio” > Scheda “Altri dati” – Implementata la creazione dei blocchi “Altri dati” (gestionali) relativi a un Articolo o Servizio. Qualora risultino utili e/o pertinenti la successiva emissione di un Documento in formato elettronico XML, cliccando sul pulsante contrassegnato con il simbolo del “Più” posto accanto alla dicitura “Tipo dato”, è possibile creare fino a un massimo di cinque blocchi di “Altri dati” (gestionali), ossia “Tipo dato”, “Rif. testo”, “Rif. numero” e “Rif. data”.
  4. Formato “Documenti” | Finestra principale di visualizzazione – Aggiunto a fianco del campo “Causale emissione” un pulsante contrassegnato con il simbolo dei “Quadrati sovrapposti”. Poiché a seguito di avvenuta predisposizione della trasmissione al Sistema di Interscambio del file in formato elettronico XML viene automaticamente disabilitata la modifica dei dati relativi al Documento selezionato è possibile copiare il contenuto del campo “Causale emissione” cliccando sul pulsante contrassegnato con il simbolo dei “Quadrati sovrapposti”.
  5. Formato “Documenti” | Finestra principale di visualizzazione > Sub finestra a popover “Descrizione estesa o altri dati”, accessibile cliccando sui pulsanti posti a fianco della numerazione delle singole linee di dettaglio e contrassegnati con il simbolo della “Freccia indicante un elenco” – Aggiunto a fianco dei campi “Prestazione, spesa o altro” o “Bene, servizio o altro” o “Bene, merce o altro”, “Rif. amministrazione”, “Tipo dato”, “Rif. testo” e “Rif. numero” un pulsante contrassegnato con il simbolo dei “Quadrati sovrapposti”. Poiché a seguito di avvenuta predisposizione della trasmissione al Sistema di Interscambio del file in formato elettronico XML viene automaticamente disabilitata la modifica dei dati relativi al Documento selezionato, dalla finestra principale del formato “Documenti”, cliccando sui pulsanti posti a fianco della numerazione delle singole linee di dettaglio e contrassegnati con il simbolo della “Freccia indicante un elenco”, all’apertura della relativa finestra a popover, è possibile copiare, a seconda del tipo di documento emesso, il contenuto dei campi “Prestazione, spesa o altro” o “Bene, servizio o altro” o “Bene, merce o altro” e, qualora valorizzati o valorizzabili, del campo “Rif. amministrazione” e di alcuni campi relativi ai singoli blocchi di “Altri dati” (gestionali), ossia “Tipo dato”, “Rif. testo” e Rif. numero”, cliccando rispettivamente sui pulsanti contrassegnati con il simbolo dei “Quadrati sovrapposti” posti in prossimità dei campi stessi.
  6. Formato “Documenti” | Finestre a popover di immissione dei dati delle linee di dettaglio (LD) di un Documento in emissione – Eliminato il pulsante “Altri dati” e, in sua sostituzione, inserito su ogni singola linea di dettaglio un pulsante contrassegnato con la “Freccia rivolta verso destra” che consente di accedere alla schermata di immissione degli altri dati (non obbligatori) relativi a ogni singola linea di dettaglio.
  7. Formato “Documenti” | Finestre a popover di immissione dei dati delle linee di dettaglio (LD) di un Documento in emissione – Implementata la creazione dei blocchi “Altri dati” (gestionali) relativi a ogni singola linea di dettaglio. Cliccando sul pulsante contrassegnato con la “Freccia rivolta verso destra” è possibile accedere alla schermata di immissione degli altri dati (non obbligatori) relativi a ogni singola linea di dettaglio e, successivamente, cliccando sul pulsante contrassegnato con il simbolo del “Più” posto accanto alla dicitura “Tipo dato” è possibile creare fino a un massimo di cinque blocchi di “Altri dati” (gestionali), ossia “Tipo dato”, “Rif. testo”, “Rif. numero” e “Rif. data”.
  8. Formato “Documenti” | Finestra “Dati Articolo” o “Dati servizio” > Scheda “Altri dati” accessibile dalla finestra a popover di immissione dei dati delle linee di dettaglio (LD) di un Documento in emissione cliccando sul pulsante contrassegnato con il simbolo del “Carrello” posto all’inizio di ogni singola linea di dettaglio e successivamente, all’apertura della sub-finestra “Articoli o servizi”, cliccando sul pulsante “Nuovo” o sui pulsanti contrassegnati con il simbolo della “Matita” – Implementata la creazione dei blocchi “Altri dati” (gestionali) relativi a un Articolo o Servizio. Qualora risultino utili e/o pertinenti la successiva emissione di un Documento in formato elettronico XML, cliccando sul pulsante contrassegnato con il simbolo del “Più” posto accanto alla dicitura “Tipo dato”, è possibile creare fino a un massimo di cinque blocchi di “Altri dati” (gestionali), ossia “Tipo dato”, “Rif. testo”, “Rif. numero” e “Rif. data”.
  9. Formato “Impostazioni”, “Clienti”, “Articoli o Servizi” e “Documenti” | Menu principale a tendina visualizzabile all’apertura della finestra di anteprima di stampa di un qualsiasi Documento, report/resoconto, elenco/scheda dati, ecc. – Aggiunto il sub-menu “Opzioni di stampa” > “Colori di stampa”. Cliccando sul pulsante “Colori di stampa” è possibile selezionare un colore da applicare agli sfondi dei testi. All’apertura del secondo sub-menu a discesa selezionare uno dei colori proposti: Grigio (default), Rosso, Verde, Blu o Giallo. Qualora venga selezionato un colore diverso da Grigio (default) i testi saranno resi in colore bianco.
  10. Formato “Documenti” | Emissione automatizzata di una Fattura da un Avviso di pagamento, funzione accessibile dal menu a popover “Opzioni fattura” > Emetti Fattura” – Qualora la lunghezza del campo “Causale emissione” della Fattura superi i 200 caratteri alfa-numerici non viene valorizzato il riferimento iniziale al numero e alla data dell’Avviso di pagamento.
  11. Formato “Documenti” | “Modulo fatturazione elettronica”. Salvataggio automatizzato di un Documento in formato elettronico XML come allegato da inviare tramite PEC al Sistema di Interscambio, senza apposizione della firma digitale – Cliccando sul pulsante contrassegnato con il simbolo della “Graffetta”, qualora all’apertura del modulo “Invio PEC Sdi” sia già presente un allegato con stesso nome (esempio: IT00000000000.1234.xml) questo viene automaticamente sostituito dal nuovo Documento in formato elettronico XML (aggiornato).
  12. “Guida utente” (on-line e PDF) – Modificata e/o integrata a seguito della introduzione delle nuove funzionalità del programma/software.
  13. Aggiunte altre funzionalità di minor rilevanza relative alla valorizzazione e/o gestione automatizzata dei campi nonché eliminati alcuni refusi.
REQUISITI MINIMI

TERMINALI SU PIATTAFORMA WINDOWS

  • CPU – Processore x64-bit da 1 GHz o superiore;
  • RAM 1 GB o superiore (consigliati almeno 2 GB);
  • Spazio disponibile di archiviazione 1 GB (Consigliato SSD – Solid State Drive);
  • Sistemi operativi supportati: Windows 7 Professional, Windows 7 Ultimate, Windows 8.0 Standard, Windows 8.0 Pro, Windows 8.1 Standard, Windows 8.1 Pro, Windows 10 Home, Windows 10 Pro, Windows 10 Enterprise;
  • Microsoft .NET Framework versione 4.6 o successiva;
  • Rete Microsoft TCP/IP;
  • Web Browser: Firefox (consigliato);
  • Gruppo di continuità della alimentazione elettrica o batteria ausiliaria (INDISPENSABILE).

TERMINALI SU PIATTAFORMA MACINTOSH

  • RAM 2 GB o superiore (consigliati almeno 4 GB);
  • Spazio disponibile di archiviazione 1 GB (Consigliato SSD – Solid State Drive);
  • Sistemi operativi supportati: macOS High Sierra 10.13, macOS Mojave 10.14, macOS Catalina 10.15, macOS Big Sur da 11.0 a 11.6, macOS Monterey da 12.0 a 12.2;
  • Rete TCP/IP o IPX/SPX;
  • Web Browser: Firefox (consigliato);
  • Gruppo di continuità della alimentazione elettrica o batteria ausiliaria (INDISPENSABILE).

NOTE COMUNI AD ENTRAMBE LE PIATTAFORME (WINDOWS E MACINTOSH)

Se è già stato installato il software AppFattPro e si sta procedendo alla installazione di un suo aggiornamento (update o upgrade), prima di procedere con l’installazione riavviare il software AppFattPro – già installato sul computer/terminale in uso – ed assicurarsi che durante l’ultima sessione di lavoro sia stato chiuso correttamente, ovvero senza interruzioni volontarie e/o accidentali dei processi di elaborazione dati, e che tutti i dati siano stati conservati in memoria e/o archiviati all’interno della cartella “Documenti/PRATICO SOFTWARE/AppFattPro/Archivi” e relative sotto cartelle.

Al termine dell’operazione eseguire il backup automatizzato di tutti gli archivi dati e chiudere il programma.

Di seguito, procedere con l’installazione dell’update o dell’upgrade del software.

Se è già stato utilizzato il software AppFattPro e sono già state create utenze di lavoro; nell’ipotesi in cui:

  1. sia stato istallato un aggiornamento (update o upgrade) del software AppFattPro;
  2. sia stato formattato l’HD (disco rigido o supporto di archiviazione) del terminale in uso e sia stato reinstallato il software AppFattPro;

prima di avviare il software, assicurarsi che all’interno della cartella “Documenti” sia presente la cartella “PRATICO SOFTWARE/AppFattPro” e relative sotto cartelle; diversamente potrebbero verificarsi malfunzionamenti oppure il programma non sarebbe in grado di caricare i dati delle utenze di lavoro già create ed archiviate.

PER ISTRUZIONI DETTAGLIATE SULLA INSTALLAZIONE AUTOMATIZZATA O MANUALE DEGLI AGGIORNAMENTI DEL SOFTWARE VEDASI QUANTO RIPORTATO SULLA GUIDA UTENTE AL CAPITOLO 1 – PARAGRAFO 1.7.26.

ATTENZIONE, IL SOFTWARE “AppFattPro” NON PUO’ ESSERE INSTALLATO SU EMULATORI OVVERO SU SOFTWARE CHE PERMETTONO DI UTILIZZARE PROGRAMMI SVILUPPATI PER SISTEMI OPERATIVI DIVERSI DA QUELLO NATIVO ED IN USO SUL PROPRIO COMPUTER/TERMINALE.

L’ESECUZIONE DEL SOFTWARE “AppFattPro” POTREBBE RISULTARE INCOMPATIBILE CON ALTRI SOFTWARE INSTALLATI SUL PROPRIO COMPUTER/TERMINALE O CON SISTEMI OPERATIVI NON TESTATI DALLO SVILUPPATORE.

Alcune funzionalità del programma potrebbero essere inibite se il terminale in uso non dispone di un collegamento internet attivo.

Il software è ottimizzato per monitor 15 pollici 16:9 (risoluzione minima 1320×740 pt) o superiori.

Versione Windows 64bit

Istruzioni per la installazione del software:

  1. Eseguire un doppio click sul file di installazione “AppFattPro_v.1.6.0.0_SMART_Installer_WINx64.exe”;
  2. Seguire attentamente le istruzioni fornite durante il processo di installazione del software.

Per impostazione predefinita il software AppFattPro viene installato nella seguente cartella:

  • “C:/PRATICO SOFTWARE/AppFattPro”.

ATTENZIONE, E’ NECESSARIO AVERE UNA VERSIONE SPECIFICA DI MICROSOFT .NET FRAMEWORK INSTALLATA SUL SISTEMA AFFINCHE’ SIA POSSIBILE ESEGUIRE APPFATTPRO. SE MICROSOFT .NET FRAMEWORK NON E’ INSTALLATO, QUANDO SI AVVIA APPFATTPRO VIENE VISUALIZZATO IL MESSAGGIO DI ERRORE “VCRUNTIME 140.DLL non trovato” E IL PROGRAMMA NON VIENE ESEGUITO.

Se del caso procedere alla installazione del seguente file aggiuntivo (Microsoft):

Il file aggiuntivo “vc_redist.x64.exe” (pacchetto redistribuibile Visual C++) è e rimane di proprietà di Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati.

Istruzioni per la disinstallazione del software:

  • Eseguire il programma di disinstallazione direttamente da Windows.
Versione Macintosh

Istruzioni per la installazione del software:

  1. Eseguire un doppio click sul file di installazione “AppFattPro_v.1.6.0.0_SMART_Installer_MAC.pkg”;
  2. Seguire attentamente le istruzioni fornite durante il processo di installazione del software.

Per impostazione predefinita il software AppFattPro viene installato nella seguente cartella:

  • “NomeVolume/Applicazioni/PRATICO SOFTWARE/AppFattPro”.

Istruzioni per la disinstallazione del software:

  • Trascinare la cartella AppFattPro e tutto il suo contenuto nel cestino;
  • Trascinare il file delle preferenze di AppFattPro anch’esso nel cestino.

Fatta salva la versione “DIMOSTRATIVA”, l’utilizzo del software AppFattPro è sempre subordinato alla sua attivazione tramite codice alfanumerico, correlato alla piattaforma operativa (Windows/Macintosh) scelta dall’Utente, che ne attesta la concessione della relativa licenza d’uso.

Qualora non venga attivato con codice di licenza d’uso, il programma viene avviato in versione “DIMOSTRATIVA”.

I browser più diffusi o i programmi firewall/antivirus potrebbero bloccare il download o l’esecuzione del programma di installazione del software a causa della protezione che offrono (normalmente a causa di un settaggio personalizzato) contro possibili virus in specie nei confronti di autori sconosciuti. Pertanto, qualora si verificasse tale ipotesi è necessario forzare la procedura ed accettare il completamento del download dei file o l’esecuzione automatica.
Vedasi pagina AppFattPro Faq – SEZIONE: INSTALLAZIONE E DISINSTALLAZIONE DEL SOFTWARE.

Prova AppFattPro
Emergenza Coronavirus

Deroga all’art. 3, punto a), della LICENZA D’USO DEL SOFTWARE AppFattPro
(Installazione del software AppFattPro su terminale ad uso domestico – Procedura aggiornata il 24/12/2020)

Top